hovogliadelletuelabbra:

ilragazzomezzomorto:

— (via ilragazzomezzomorto)


HAHAHA
"Torneranno tutti in fila indiana.
Dal più stronzo alla più puttana."
(Via freeandalivee)

(Fonte: freeandalivee, via hovogliadelletuelabbra)

twelvefeetdeepp:

frevolutions:

View from the tent

I WANT TO GO CAMPING!!
"Ci avete mai fatto caso, come sono le donne nelle favole? Così soavi, così romantiche, così dementi, no? Esempio, Cappuccetto Rosso, tre donne tre deficienti. Deficiente la nonna perché, voglio dire, hai l’età di Matusalemme, non sei autosufficiente, che cacchio vai a fare a vivere da sola su un bricco dimenticato da Dio, che neanche il nonno di Heidi ti viene a trovare? Ti fai dare l’accompagnamento e ti prendi un monolocale sotto casa di tua figlia, no? Deficiente la figlia perché mica ci va lei a badare alla madre, no, ci manda sua figlia. Di quattro anni. Hai capito? Allora, siccome la manda nel bosco che cosa fa per proteggerla, le regalerà una mimetica? No, va da Valentino e le fa confezionare un cappuccetto rosso fuoco, che Barbablù la vede anche a 40 chilometri di distanza. Che brava la mamma. Deficiente anche la bambina! Mi spiace dirlo ma anche la bimbetta c’ha le sue, che cammina per il bosco e vede un lupo, che cosa fa, scappa? No. Si ferma e gli racconta tutti i cazzi suoi. E per aiutarlo a orientarsi meglio nel trovare la casa della nonna gliela indica su Google Maps. Ma non è finita perché dopo che ci ha parlato per tre ore lo vede cinque minuti dopo con una cuffietta e non lo riconosce. La Bella Addormentata nel bosco? Va bene, partiamo dall’inizio. La regina non riesce ad avere bambini, e dopo diversi tentativi falliti, finalmente all’età di Gianna Nannini riesce ad avere la prima, molto bene, festa, gioia, gaudio, no? Fanno un mega-party e invitano tutti, ma proprio tutti, tranne pochi. L’unica che la mamma si dimentica di invitare chi è? L’unica strega del reame. Ecco, hai capito? Che si chiama Malefica, non è che si chiama Fiore di Mirtillo ‘sta qui, è ovvio che si incazza un attimino. Lancia l’anatema sulla bambina, lo conosciamo tutti, giusto? “Quando compirai 18 anni ti pungerai il dito con un fuso e cadrai addormentata” e siccome nel regno tutti amano questo fagottino, si premurano di ricordarglielo, compleanno dopo compleanno. Primo compleanno “Auguri amore mio! A cento di questi giorni! Cento… 18 dai, eh, accontentati, vero? Sì, perché quando compirai 18 anni ti pungerai con un fuso e cadrai addormentata”, secondo compleanno “eh come passa il tempo quando ci si diverte, eh? Divertiti finché puoi, perché quando compirai 18 anni amore mio ti pungerai con un fuso e cadrai addormentata”, terzo compleanno: “Meno 15! Amore guarda fatti furba: dalla via a 17, perché quando compirai 18 anni ti pungerai con un fuso e cadrai addormentata”. Cosa fanno? Glielo ripetono per tutti i compleanni, lei compie 18 anni cosa fa? “Oh, un fuso!”Biancaneve, parliamo di Biancaneve. Intanto partiamo dal nome, Biancaneve che nome è? È la principessa più ricercata da tutti i pusher del reame, dai! La favola più adatta da raccontare a tua figlia, no? Proprio prima di andare a dormire: “C’era una volta una bambina alla quale morì subito la mamma, il papà si risposò con una stronza terrificante che siccome è gelosa di lei la vuole morta. Buonanotte amore, sogni d’oro!”.La storia la sappiamo, no? Incarica il guardiacaccia e dice “Allora ci pensi tu, la fai fuori, ma come prova mi porti il cuore” il guardiacaccia ovviamente intenerito fa fuori un cervo che poi si è si è venuto a scoprire che era la madre di Bambi… una tragedia.Va beh, lei, principessa “Oddio, oddio” scappa nel bosco, “Dove vado dove non vado?” vede una catapecchia putrescente, che proprio è evidente che non è mai stata pulita. Che cosa fa? Bussa, le vengono ad aprire degli acari grossi così che si fanno le canne, lei entra con fiducia e si sdraia sui letti. Arrivano i padroni di casa, marito e moglie? No. Una comunità di 7 nanetti, probabilmente un nuovo gruppo di Facebook che vive là. Ovviamente che cosa fanno, si inteneriscono anche loro “Come possiamo aiutare questa principessina, come possiamo aiutare questa principessina… Ma teniamola qui, facciamone la nostra serva” e lei “Sì! Che bella idea, perché non ci ho pensato io?!” e via a ramazzare, pulire, cucire, rammendare mutande per sette nanetti. E fischietta nel frattempo… ma che cazzo ti fischietti?!Ora la matrigna lo scopre, dice “Ok, vado io, ci penso io”, va dallo stesso stilista di Cappuccetto Rosso e dice: “Senti mi serve un travestimento raffinato… che mi faccia proprio passare inosservata come innocua vecchina che vende le mele” “Certo!”“Eccola qua, prendi la mela Biancaneve!” lei cosa fa? Cioè minimo minimo le tiri una badilata in testa, no? “Oh la mela, oh il fuso” stesso elettroencefalogramma piatto di quella là.Va beh insomma, mangia la mela, muore ‘sta qua, finalmente, arrivano i nani, porranno fine alle sofferenze di ‘sta ragazza, la seppelliranno? No. La mettono in una teca di vetro e la guardano decomporsi. A un certo punto arriva anche il principe azzurro, che ho già avuto modo di dirlo, scusatemi , lo ribadisco ma il principe azzurro non esiste, perché uno che viene su un cavallo bianco con i leggings azzurri è gay! Se fosse stato etero veniva giù con una bella camicia a quadri, ruttando, giusto? Va bene, vede questa cosa straordinaria, dice “No! Che bellissima idea! La morta nell’acquario trasparente, dai! La metto come centrotavola nella prossima festa, ma sai che invidia il Dolce e il Gabbana? Dai che vi aiuto io a portarla al castello!” mai fatto una cippa, scende da cavallo, tacco 12, si rompe il tacco, urta la teca, la teca si apre, Biancaneve rotola fuori, sbatte la testa contro un sasso, trauma cranico, sputa la mela, lo vede e dice: “Ti amo, sposiamoci!” e vissero per sempre felici e contenti. Chi? Un gay e una decerebrata."

Deborah Villa. (via quindiciprimavere)

Muoio! Ahahaha!

(via sonoquiper-lamore)

AHAHAHA

(via brokenplume)

MUOIO AHHAHAHHAHAHHAHA

(via cacciatricedisogniperduti)

CREPO MALE AHAHAHAHAHA

(via unaragazzaautolesionista)

Ahahahah

(via 14-12-2013ragazza-sola)

AHAHAHAHAHAHAHAH DATEMI ARIA!

(via diariodiunaspirantesuicida)

(via perlabionda)

nascondeteilrum:

;
"Non importa se non ci sto capendo nulla, continua a stringermi all’infinito"
(via pensiericaotici)

Era quello che pensavo ogni volta.
Mado

(via hovogliadelletuelabbra)

(via hovogliadelletuelabbra)

"Andate avanti e non fregatevene un cazzo di ciò che gli altri pensano, andate avanti e fate quello che dovete fare, per voi."
Johnny Depp (via le-taschepienedicose)

(via hovogliadelletuelabbra)

"Le stelle che vediamo non sono nemmeno stelle vere.
Vediamo la luce che hanno emesso milioni di anni fa, e che solo adesso raggiunge i nostri occhi.
Non vediamo tanto stelle, quanto ricordi."
James Patterson - Il nostro amore è per sempre. (via nellocchiodelciclone)

(via perlabionda)

ciaosonoapatia:

lacrimetesesalde:

iopossovolare:

lontanadaltuocuore:

secret-of-doublem:

nolongerchanges:

so-personal:

everything personal♡

Mi fa sempre ridere ahha

AHHAHAHAHHAHAHAH

Rido

Sacrilegio.

ahahahah

Come fai a sopravvivere senza pizza?🙈
"Che con te sorridevo senza far finta."
vento-gelido (via vento-gelido)

(via hovogliadelletuelabbra)

"-Ti amo.-
-Okay.-
Quelle due paroline tanto magiche non le riuscivo proprio a dire.
-Okay?-
-Sì, okay. Che ti devo dire?-
-Non so, magari un ti amo?-
-No.-
-Quindi non mi ami?-
-Oh, sì, lo faccio. Ma non lo dico.-
-Perché?-
-Non farti domande.-
-Come sei acida.-
-Te l’avevo detto che sarebbe stato difficile. Secondo me non saresti durato neanche mezza giornata.-
-Eppure è passato un anno.-
Già, un fottuto anno.
E io quelle due parole dove l’avevo messe? Mi si erano bloccate in gola, e bruciavano.
-Già-
-Già… allora, che vogliamo fare?-
Nei suoi occhi la felicità di un bambino.
-Andiamo al mare?-
-È dicembre!-
-Embé? Tu vai in montagna d’estate? Io al mare d’inverno.-
Sbuffò, eh, sì. Complicata. Ero questo. Sono questo.
-E va bene. Poi me le dici quelle due paroline?-
No, ovvio che no. Ce l’ho bloccate in gola. Ma ti giuro, le vorrei tirare fuori.
-No.-
-Allora dopo facciamo l’amore?-
-E poi torniamo a litigare?-
-Come sempre.-
-Okay.-
Andammo al mare, e poi a casa sua, dove facemmo l’amore.
Si addormentò sul mio ventre, e io gli accarezzavo i capelli.
Il suo respiro sulla mia pelle mi faceva venire i brividi.
-Ti amo-
Sussurrai.
E poi, sentii le sue labbra curvarsi in un sorriso."
laragazzachetunonami. (via laragazzachetunonami)

ma,aw.

(via datemileistruzionipervivere)

(via datemileistruzionipervivere)

imieitsunami:

ditemi ancora che faber non era un poeta
corpicollisi:

♡
+